Arrosto di maiale al forno con crema all’arancia, servito con patate speziate e zucchine alla griglia


Arrosto di maiale al forno con crema all’arancia, servito con patate speziate e zucchine alla griglia

Arrosto di maiale al forno con crema all'arancia, servito con patate speziate e zucchine alla griglia

Dalla passione per il cibo che si traduceva in ossessione per mangiare, sono passato con il tempo ad amare il cibo, da un punto di vista creativo.

Cucinare è una delle mie passioni e vista la coda di amici e parenti per assaggiare i miei manicaretti e l’insistenza di mia moglie nel chiedermi di pubblicare i miei piatti, ho deciso di inaugurare una sezione di ricette.

Badate che non sono ricette dietetiche o light (a meno che non sia specificato) ma ricette sicuramente per chi ama il cibo e adora mangiare con gusto.

Non mi piace chiamarli peccati di gola, preferisco dolci concessioni.

La carne rossa la mangio qualche volta al mese e per questo quando la preparo voglio che sia un piacere per occhi e palato.

Questo Arrosto di maiale al forno con crema all’arancia, servito con patate speziate e zucchine alla griglia saprà di certo conquistarti e può diventare facilmente il protagonista in un pranzo o una cena con gli amici.

Ingredienti (per 4/6 persone):

zucchine: 2 grandi

patate: 500/600g non troppo grandi

arance: il succo di 2 + la scorza di una + qualche fettina di arancia per la base dell’arrosto

cipolle: 1 piccola

carote: 1 piccola

sedano: 1 costa

brodo: 500/600 ml (Ho usato un brodo di pollo, va bene anche di carne o vegetale)

carne di maiale: 600/700g in un unico pezzo (io ho usato lonza di maiale, ottimo anche il filetto )

olio e.v.o: 5 cucchiai

burro: 50 grammi

farina 00: 30 grammi

aceto : 1 cucchiaino

misto di spezie: a piacere (ho usato un mix fatto di sale grosso, 5 spezie, curcuma, cardamomo, curry, pepe bianco e nero, peperoncino e paprica forte)

alloro: qualche foglia

sale qb:

Preparazione:

Iniziamo dal soffritto, puliamo aiutandoci con un pelapatate la carota e il sedano e tagliamoli a dadini molto piccoli,  sbucciamo la cipolla e affettiamola finemente (la quantità di carota, cipolla e sedano puliti dovrebbe risultare equivalente).

A fuoco dolce in una pentola non troppo grande (deve contenere appena il nostro pezzo di carne) versiamo 2 cucchiai di olio e 20g di burro, appena il burro sarà sciolto versiamo il trito e lasciamo soffriggere per qualche minuto.

Alziamo  il fuoco a fiamma media e posizioniamo il nostro pezzo di carne che dovremo girare su tutti i lati in modo che si formi una bella sigillatura (si dovrà raggiungere una colorazione caramello), se necessario bagnare ogni tanto il fondo con qualche cucchiaio di brodo solo per evitare che si attacchi tutto alla nostra pentola. Naturalmente non usate forchette per girare l’arrosto, lo vogliamo sigillare mica ridurre ad un colabrodo 😉

Finita l’operazione posizioniamo il nostro pezzo di carne su una griglia in modo che raffreddi rapidamente e si sigillino all’interno tutti i succhi (questo lo renderà tenerissimo e morbidissimo). Accendiamo il nostro forno impostando la temperatura a 180° se statico o 160° se ventilato.

Lascia da parte la pentola con il soffritto bruciacchiato, ti servirà ancora.

Mondiamo nel frattempo le patate e le zucchine, tagliamo le zucchine a rondelle o con un taglio trasversale (a mandorla) dello spessore di 1/2 centimetro e le patate in quattro spicchi per il senso della lunghezza.

Versiamo sulle patate il trito di spezie e un cucchiaio d’olio e mischiamo il tutto usando preferibilmente le mani così da distribuire omogeneamente gli ingredienti sulle nostre patate.

A questo punto sistemiamo al centro di una teglia non troppo grande le fette di arancia su cui posizioneremo una due foglie di alloro e il nostro pezzo di carne, versa qualche cucchiaio di brodo e poggia sull’arrosto dei rametti di allo ro o qualche altra foglia.

In un’altra teglia distribuiamo le nostre patate (è possibile fare tutto in un’unica teglia ma le patate assorbiranno anche il brodo e i succhi che rilascerà la carne)

Mettiamo in forno per 25(rosato)/30 (cotto)/35 (ben cotto) minuti ( il mio consiglio è l’arrosto nella parte alta del forno e le patate in quella bassa)

Dedichiamoci adesso alle zucchine, disponiamole su una piastra di ghisa ben calda (o di qualsiasi altro tipo tu la possieda), facciamole cuocere per qualche minuto da entrambi i lati, girandole preferibilmente una sola volta, così da creare l’effetto delle righe orizzontali della griglia.

Unite in una ciotolina l’olio restante, il cucchiaino di aceto (meglio se di mele o riso che sono meno forti) e un po’ di sale ed emulsionate qualche istante con una forchetta. Appena le zucchine saranno cotte disponetele su un piatto e bagnate con l’olio e aceto (usate la forchetta così da prenderne poco per volta).

Per la salsa all’arancia, riprendiamo la nostra pentola e accendiamo a fiamma media, usando un po’ di brodo sciogliamo il fondo di cottura, sfumiamo con il succo d’arancia, aggiungiamo il brodo, la scorza d’arancia e una foglia d’alloro.

lasciamo cuocere qualche minuto e nel frattempo in un altro pentolino sciogliamo il burro, aggiungiamo la farina setacciata poco alla volta e incorporiamola al burro.

Continuando a girare spesso lasciamo cuocere la farina finché non diventa di un bruno chiaro.

Inizia ad aggiungere il brodo poco alla volta al composto di farina e burro, filtralo con un colino di metallo un mestolo alla volta e continua a mescolare, finche la salsa non si sarà addensata (non deve essere troppo liquida, ma evita anche di farla addensare troppo(mica vogliamo un budino, no?).

A fine cottura tira fuori la carne e le patate dal forno, metti la carne a raffreddare su una graticola e appena si sarà intiepidita tagliala a fette sottili.

è ora di impiantare.

Disponi su un piatto alcune fette di carne, versaci sopra un po’ di salsa all’arancia e completa il piatto con delle fette di patate speziate e alcune di zucchine arrosto.

Gusta e godi 😉

Gianluca Cannavò ChefIl consiglio dello Chef:

I tagli del maiale ideali per un arrosto sono quelli della LOMBATA.

E’ possibile usare il Carrè (anche conosciuto come Arista) che di solito è una parte abbastanza grassa ma anche molto saporita o la Lonza, che proviene dallo stesso taglio sgrassato e disossato (è il taglio che personalmente ho usato per questa preparazione) o il filetto anch’esso magro e tenero, ideale per arrosti o brasati.

Gianluca Cannavò CoachIl consiglio del Coach:

Gustati questo piatto a piccoli bocconi, assaporando con gusto, masticando lentamente e facendo un bel respiro profondo tra un boccone e l’altro, mangiare lentamente è uno strumento utile a dimagrire, si raggiunge prima il senso di sazietà e si assorbe dal cibo tutto il nutrimento. Inoltre il tuo apparato digerente ti ringrazierà regalandoti una digestione serena.

 

Buon dimagrimento dal tuo Coach di dimagrimento e Chef di fiducia

Gianluca Cannavò

Libera la persona magra che è dentro di te.

Se ti è piaciuto questo articolo, commentalo e/o condividilo….

Quale sarà la prossima ricetta che preparerò per te? hai qualche suggerimento da darmi?

Be Sociable, Share!